3D SCAN – Scanner Orthofit

Attraverso lo scanner FOOTCLINIC riusciamo perfettamente a rilevare in tridimensionale la forma del piede (Scansione 3D del piede), a fare le correzioni a video ed inoltre a simulare come viene cambiato l’appoggio podalico con l’impiego del nostro plantare computerizzato.

La moderna tecnologia permette che il medico possa produrre o personalizzare direttamente il plantare attraverso l’aiuto di una fresa robotizzata CAD/CAM.

In sala operatoria invece il paziente viene operato mentre e’ sdraiato, fuori carico. Anche il migliore chirurgo non potrà quindi simulare, estrapolare e prevedere come si comporterà quel piede che sta manipolando una volta che dovrà adattarsi al terreno sotto l’influsso di tutto il peso corporeo. Ogni tendine, ogni osso, ogni muscolo che viene sezionato ha una elastanza diversa a seconda della struttura corporea ( picnica – normale – dolicocefalica ), del peso, dell’altezza, dell’ assetto ormonale, del sesso, dell’età, della razza. E’ l’organo più difficile in assoluto da manipolare! Ecco perché vale sempre la pena provare prima un plantare e considerare l’intervento chirurgico come ultima spiaggia. Anche dopo l’intervento c’e’ comunque necessità di un plantare per garantire una corretta interfaccia piede-suolo.

Specifiche :

Lo scanner è costituito da una serie di tastatori meccanici che rilevano al decimo di millimetro di precisione la profondità del piede.Ci permette di fare diagnosi corretta: chi si basa solo su un vetro rovesciato (podoscopio) o su una pedana computerizzata piatta (bidimensionale) puo’ solo diagnosticare correttamente i casi eclatanti di piede piatto grave di terzo grado che appoggia tutto sul suolo ma non puo’ diagnosticare i piedi piatti funzionali con cedimento dell’arco, anzi addirittura famosi luminari prendono lucciole per lanterne e definiscono cavo un piede piatto! Lo scanner 3D serve per la diagnosi: non serve per costruire un plantare con arco su misura: spesso l’arco da’ fastidio e poi ingessa i muscoli del piede che bisogna invece potenziare con esercizi dinamici.

 

FONDAMENTALE e’ il rapporto di fiducia:a volte non si puo’ risolvere al primo colpo un problema che ci si porta dietro da una vita: si fanno prove sempre seguendo un criterio scientifico e poi nel bene o nel male mi fate sapere come vi trovate, se ci sono da fare modifiche si fanno.A seconda dei casi posso usare una base di plantare comune e poi personalizzarla con materiali e correzioni appropiate: i mezzi che impiego sono un mio problema,l’importante e’ che voi abbiate un risultato positivo.

Purtroppo se un medico da’ 10 diverse medicine (gocce, compresse, cerotti, intramuscole, supposte) viene considerato bravo, se le toglie o non ne aggiunge o non ne da’ viene considerato un incapace… cosi’ va il mondo che’ e’ composto per il 99% da persone non solo ignoranti ma che non vogliono ascoltare per imparare cio’ che ignorano.

Ci sono casi in cui vi daro’ un plantare uguale sia a sinistra sia a destra e voi rimarrete perplessi.Quello che conta e’ correggere l’appoggio del calcagno:

la bravura e’ 1) fare la diagnosi corretta; 2)aggiungere eventualmente rialzi e/o cunei mediali o laterali nel punto giusto del calcagno.

Il plantare e’ uguale per entrambi i piedi perche’ l’arco su misura non serve.Il plantare e’ composto da materiali pregiati ed e’ personalizzato e costa 190 eur.

Se insistete a volere mettere il plantare in scarpe aperte dietro tipo ciabatte e/o infradito lasciate perdere e non perdiamo tempo.