Cos’è la Fascite plantare

Fig 1. La fascia plantare si estende dalle basi delle falangi prossimali fino al calcagno. Si osservi l’altezza dell’ arco longitudinale

  1. Fascia plantare.
  2. Osso navicolare.
  3. Astragalo.
  4. Legamento deltoide.

Fig 2. Pressione eccessiva cronica sull’arco

  1. speso provocata da obesità o sforzi e attività troppo intensi, determina appiattimento dell’arco
  2. e aumento di tensione sulla fascia plantare (1), accompagnato da infiammazione della sua inserzione posteriore.

Fig 3. Compare uno “sperone” di tessuto osseo reattivo neoformato

Non è lo sperone in sé a provocare dolore quanto l’ infiammazione dell’ inserzione della fascia plantare. Dal punto di vista clinico é presente dolore gradualmente ingravescente sotto il calcagno, in genere in sede mediale. Acuto al risveglio, diminuisce con le normali attività e aumenta dopo una giornata in cui il piede ha sopportato il peso del corpo. Spesso associato a sforzo intenso compare dolore grave. Mediante palpazione dello sperone è possibile evidenziare dolenza.

Fig 4. Nel 50% dei casi questa condizione può essere alleviata con una semplice coppa di plastica

Sono importanti il calo ponderale e la correzione dei problemi del piede predisponenti. La formazione di sperone è problematica soprattutto in pazienti con piedi molto arcuati, tipo piede cavo; piedi piatti e pronati o cuscinetti calcaneari flaccidi e atrofici.