Cambia da così a così con i Plantari FootClinic.it
Risolvi problemi che ti affliggono: Alluce Valgo, Mal di Schiena, Piede Piatto, Fascite Plantare, Dita a Martello, Spina Calcaneare.
Senza Interventi Chirurgici!

Glossario Malattie

Pielonefrite

Pielonefrite

La pielonefrite è un’infezione dei reni e dell’uretra, i condotti che trasportano l’urina dal rene.

CAUSE: La pielonefrite più spesso si verifica a causa di infezioni delle vie urinarie, in particolare quando vi è occasionale o persistente riflusso di urina dalla vescica nell’uretra o in una zona denominata pelvi renale. La pielonefrite può essere improvvisa (acuta) o a lungo termine (cronica). La semplice pielonefrite acuta è l’improvviso sviluppo di infiammazioni renali, quella cronica è una lunga infezione che non va via. Questa condizione si verifica molto meno spesso di una infezione della vescica, anche se un caso passato di tale infezione aumenta il rischio. Aumenta anche il rischio di infezione del rene se si ha una qualsiasi delle seguenti condizioni:

  • Riflusso di urina nella pelvi renali o uretra;
  • Calcoli renali;
  • Uropatia ostruttuva;
  • Necrosi papillare renale.

Ci sono anche maggiori probabilità di avere un’infezione renale se ci sono casi di malattie croniche o ricorrenti alle vie urinarie, soprattutto se l’infezione è causata da un particolare tipo di batteri aggressivi. La pielonefrite acuta può essere grave negli anziani e nelle persone che sono immunocompromesse (ad esempio, quelli con il cancro o l’AIDS).

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Dolore;
  • Brividi con agitazione;
  • Grave dolore addominale;
  • Affaticamento;
  • Febbre alta e persistente (più di 2 giorni);
  • Generale sensazione di malessere;
  • Brividi con agitazione;
  • Modifiche o confusione mentale;
  • Modifiche cutanee (pelle arrossata, umida o bollente);
  • Problemi di minzione (sangue nelle urine o nelle feci, colore anormale, maggiore frequenza urinaria o urgenza, necessità di urinare durante la notte (nicturia), o minzione dolorosa);
  • Vomito e nausea;
  • Confusione mentale che può essere l’unico segno di un’infezione delle vie urinarie nei pazienti anziani.

DIAGNOSI: Un esame fisico può mostrare mollezza quando il medico palpa la superficie del rene. Un esame del sangue può mostrare un’infezione; l’analisi delle urine rivela frequentemente globuli bianchi o rossi nelle urine, oppure dei batteri. Un pielogramma endovenoso (IVP) o scansione TC può mostrare l’addome o i reni gonfi. Questi test possono anche contribuire ad escludere altre patologie sottostanti. Ulteriori test che possono essere effettuati includono:

  • Biopsia renale;
  • Scansione renale;
  • Ultrasuoni al rene;
  • Cistouretrogramma anulare.

TERAPIA: Gli obiettivi della terapia sono:

  • Controllo dell’infezione;
  • Liberazione dai sintomi.

Dato l’elevato tasso di mortalità della popolazione anziana e il rischio di complicazioni, è raccomandata la terapia. I sintomi della pielonefrite acuta di solito passano entro 48-72 ore dopo un trattamento adeguato. Il medico selezionerà gli opportuni antibiotici dopo un’analisi delle urine che identifica il batterio che ha causato l’infezione. Se si tratta di una grave infezione o non si possono prendere gli antibiotici per bocca, possono essere dati antibiotici in via endovenosa in un primo momento. La pielonefrite cronica può richiedere un trattamento antibiotico a lungo termine. Gli antibiotici comunemente usati sono:

  • Amoxicillina;
  • Cefalosporine;
  • Levofloxacin e ciprofloxacina;
  • Sulfa farmaci come sulfisoxazole e trimetoprim.

PROGNOSI: Con il trattamento, la maggior parte delle infezioni renali migliorano senza complicazioni. Tuttavia, il trattamento può essere aggressivo o prolungato. Le donne incinte e persone con il diabete o paralisi spinale dovrebbero effettuare un esame delle urine dopo aver terminato la terapia antibiotica per assicurarsi che i batteri non siano più presenti nelle urine. In rari casi, danni renali permanenti possono derivare quando:

  • Infezioni renali croniche si verificano in un rene trapiantato;
  • Molte infezioni si verificano durante l’infanzia.

Acute lesioni renali (insufficienza renale acuta) possono verificarsi se una grave infezione abbassa in modo significativo la pressione sanguigna (shock). Gli anziani, i neonati e le persone con un sistema immunitario indebolito hanno un aumentato rischio di shock e di una grave infezione del sangue chiamata sepsi. Spesso, tali pazienti saranno ricoverati in ospedale per il monitoraggio frequente di antibiotici e altri farmaci, se necessario. Gravi episodi di infiammazione renale acuta possono causare lesioni permanenti, danni renali e portare a malattia renale cronica. Possibili complicazioni possono essere:

  • Insufficienza renale acuta;
  • Ritorno dell’infezione;
  • Ascesso perinefrico;
  • Grave infezione del sangue (sepsi).

Contattare un medico se si hanno i sintomi della pielonefrite, in particolare se avvengono:

  • Riduzione della diuresi;
  • Persistente febbre alta;
  • Grave dolore al fianco o alla schiena.

PREVENZIONE: Un rapido e completo trattamento di infezioni della vescica può impedire lo sviluppo di molti casi di pielonefrite. Infezioni croniche o ricorrenti delle vie urinarie devono essere curate attentamente. È possibile contribuire a prevenire le infezioni renali prendendo accorgimenti:

  • Tenere pulita la zona genitale per evitare l’ingresso di batteri;
  • Urinare subito dopo il rapporto sessuale. Ciò può contribuire ad eliminare eventuali batteri che possono essere state introdotti durante l’attività sessuale;
  • Bere molti liquidi. Questo aumenta la minzione frequente e scaccia i batteri dalla vescica;
  • Bere succo di mirtilli. In questo modo si previene che alcuni tipi di batteri si attacchino alla parete della vescica e si riducano le possibilità di infezione.

Fonti: [ Norrby SR. Approccio al paziente con infezione delle vie urinarie. In: Goldman L, Ausiello D, eds. Cecil Medicina. 23a ed. Philadelphia, Pa: Saunders Elsevier, 2007; Foster RT Sr. semplice infezioni del tratto urinario nelle donne. Obstet Gynecol Clin North Am. 2008 Jun; http://health.nytimes.com/health/; Pohl A. Modalità di somministrazione di antibiotici per grave sintomatica delle infezioni delle vie urinarie. Cochrane Database Syst Rev. 17 ottobre 2007]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.