Cambia da così a così con i Plantari FootClinic.it
Risolvi problemi che ti affliggono: Alluce Valgo, Mal di Schiena, Piede Piatto, Fascite Plantare, Dita a Martello, Spina Calcaneare.
Senza Interventi Chirurgici!

Glossario Malattie

Cancro alla vescica

Cancro alla vescica

Il cancro alla vescica è un tumore canceroso nell’organo che contiene le urine.

CAUSE: Di solito il tumore inizia dalle cellule del rivestimento della vescica (cellule di transizione). Questo genere di tumori possono essere classificati sulla base del loro modo di crescere:

  • Tumore papillare si ha quando una sorta di verruca è attaccata alla vescica;
  • Tumore nonpapillare, molto meno comune, ma più invasivo e più difficile da curare.

Come per la maggior parte degli altri tumori, l’esatta causa del cancro alla vescica è incerta. Tuttavia, diversi fattori possono contribuire al suo sviluppo:

  • Fumo di sigaretta. Il fumo aumenta il rischio di sviluppare il cancro alla vescica di quasi 5 volte. Nel 50% dei casi negli uomini e nel 30% nelle donne, il fumo ne è responsabile.
  • Esposizione ad agenti chimici sul luogo di lavoro. Circa un caso su quattro di cancro alla vescica è causato da esposizione a sostanze cancerogene (tinture, gomma, alluminio, cuoio, antiparassitari).
  • Radiazioni e chemioterapia. Le donne che hanno ricevuto terapia radiante per il trattamento del cancro cervicale, presentano un aumentato rischio di sviluppare il cancro alla vescica. Alcune persone che hanno ricevuto farmaci per la chemioterapia come il ciclofosfamide (Cytoxan) sono a maggior rischio.
  • Infezioni della vescica. A lungo termine (croniche), possono portare allo sviluppo di cellule squamose.
  • Infezione da parassiti. Nei paesi del terzo mondo, l’infezione con il parassita schistosomiasi è stato collegato allo sviluppo di cancro alla vescica.

L’associazione tra dolcificanti artificiali e cancro alla vescica è stato studiato ed è debole o inesistente. I tumori della vescica sono classificati in base alla loro aggressività e a quanto essi differiscono dal tessuto circostante la vescica. Ci sono diverse fasi tumorali. Il sistema di stadiazione TNM categorizza i tumori utilizzando la seguente tabella:

  • Fase 0 – tumori non invasivi che sono solo nel rivestimento della vescica;
  • Fase I – tumori che passano attraverso il rivestimento della vescica, ma non raggiungono il livello dei muscoli della vescica;
  • Fase II - tumori che entrano nello strato muscolare della vescica;
  • Fase III – tumori che vanno oltre lo strato del muscolo;
  • Fase IV – il cancro si è diffuso in linfonodi nella zona del tumore o in siti distanti (metastasi).

Il cancro alla vescica si diffonde attraverso l’estensione agli organi vicini, tra cui:

  • Prostata;
  • Retto;
  • Uretra;
  • Utero;
  • Vagina.

Si possono anche infettare i linfonodi nel bacino, o ad altre parti del corpo, come ad esempio:

  • Ossa;
  • Fegato;
  • Polmoni.

SINTOMI: La maggior parte dei sintomi del cancro alla vescica possono verificarsi anche con condizioni non-cancerose. È importante valutare se si dispone di uno qualsiasi di questi sintomi:

  • Sangue nelle urine;
  • Minzione dolorosa;
  • Frequenza urinaria;
  • Urgenza urinaria;
  • Dolore addominale;
  • Anemia;
  • Dolore osseo o mollezza;
  • Letargia;
  • Incontinenza urinaria;
  • Perdita di peso.

DIAGNOSI: Il medico esegue un esame fisico, compreso uno rettale e pelvico. Test diagnostici che possono essere effettuati sono:

  • Scansione TC addominale;
  • Biopsia della vescica (di solito effettuata durante la cistoscopia);
  • Cistoscopia;
  • Pielogramma endovenoso;
  • Analisi delle urine;
  • Citologia delle urine.

TERAPIA: La scelta del trattamento dipende dallo stadio del tumore, la gravità dei sintomi, e la presenza di altre condizioni mediche. Terapia nella fase 0 e I: chirurgicamente si rimuove il tumore senza eliminare il resto della vescica e la chemioterapia o immunoterapia viene fatta direttamente nella vescica.

Terapia fase II e III: chirurgicamente si rimuove tutta la vescica (cistectomia radicale) o solo una parte, seguita da chemioterapia e radiazioni. La chemioterapia per ridurre il tumore prima dell’intervento chirurgico. E’ anche possibile scegliere una combinazione di chemioterapia e radiazioni. La maggior parte dei pazienti con tumori allo stadio IV non possono essere curati e la chirurgia non è appropriata. In questi pazienti, la chemioterapia è l’unica soluzione. Essa può essere somministrata a pazienti allo stadio II e III della malattia prima o dopo l’intervento chirurgico per aiutare a prevenire il ritorno del tumore. I farmaci previsti comprendono:

  • Carboplatino;
  • Cisplatino;
  • Ciclofosfammide;
  • Docetaxel;
  • Doxorubicina;
  • Gemcitabina;
  • Ifosfamide;
  • Metotrexato;
  • Paclitaxel;
  • Vinblastina.

La combinazione di cisplatino e gemcitabina è efficace in un vecchio trattamento chiamato MVAC (metotressato, vinblastina, doxorubicina e cisplatino) con un minor numero di effetti collaterali. Molti centri hanno sostituito il MVAC con una nuova combinazione come Paclitaxel e carboplatino. All’inizio della malattia (fasi 0 e I), la chemioterapia è di solito effettuata direttamente nella vescica. Diversi tipi di farmaci chemioterapici possono essere assegnati come:

  • Doxorubicina (Adriamycin);
  • Mitomicina-C (Mutamycin);
  • Thiotepa (Thioplex).

Gli effetti indesiderati comuni includono irritazione della parete della vescica e dolore in caso di incontinenza. Per ulteriori fasi avanzate (II-IV), la chemioterapia è di solito endovena. Ma i tumori della vescica spesso sono trattati con l’immunoterapia. In questo trattamento, un farmaco aiuta il proprio sistema immunitario ad attaccare ed uccidere le cellule tumorali. L’immunoterapia per il cancro della vescica è di solito effettuata mediante Bacille Calmette-Guerin (comunemente noto come BCG) direttamente nella vescica. Possibili effetti indesiderati comprendono:

  • Frequente minzione;
  • Vescica irritabile;
  • Minzione dolorosa;
  • Urgente necessità di urinare;
  • Sangue nelle urine;
  • Brividi;
  • Prurito;
  • Dolore misto;
  • Malessere;
  • Nausea.

I sintomi di solito migliorano nel giro di pochi giorni dopo il trattamento. Raramente, tra gli effetti collaterali, si sviluppa anche la tubercolosi. Ciò richiede una cura con farmaci anti-tubercolosi. Persone alla fase 0 o I sono di solito trattate con la resezione transuretrale della vescica (Turb). Nella fase II o III invece si può avere bisogno di avere la rimozione totale della vescica. In alcuni pazienti è sufficiente la rimozione parziale. La cistectomia radicale negli uomini di solito comporta la rimozione della vescica, prostata e vescicole seminali. Nelle donne, l’uretra, utero, e la parete anteriore della vagina vengono rimossi. Spesso sono rimossi anche i linfonodi pelvici per essere esaminati in laboratorio. Un intervento di diversione urinaria (una procedura chirurgica per creare un metodo alternativo per lo stoccaggio delle urine) è possibile insieme alla cistectomia radicale. Un condotto ileale è un piccolo serbatoio di urina che è chirurgicamente creato in un piccolo segmento di intestino. Le persone che hanno il condotto ileale dovranno indossare un apparecchio di raccolta delle urine al di fuori del loro corpo in ogni momento. Possibili complicazioni sono:

  • Occlusione intestinale;
  • Coaguli di sangue;
  • Danni a lungo termine per la parte superiore del tratto urinario;
  • Polmonite;
  • Infezione del tratto urinario.

Un altro metodo è il serbatorio urinario continente, usato per creare un sacchetto interno per immagazzinare l’urina, inserito al posto di un pezzeto del colon che viene rimosso. I pazienti sono in grado di inserire un catetere periodicamente per far fuoriuscire l’urina. Possibili complicazioni includono:

  • Coaguli di sangue;
  • Occlusione intestinale;
  • Polmonite;
  • Ostruzione uretrale;
  • Reflusso uretrale;
  • Infezione del tratto urinario.

Un altro metodo prevede che un segmento di intestino viene piegato verso l’alto in modo da creare una specie di sacco (un neobladder, cioè “nuova vescica”), collegata al luogo in cui l’uretra urina normalmente, svuotando la vescica. Questa procedura consente ai pazienti di mantenere un normale controllo urinario. Tuttavia, vi sono complicazioni (comprese le perdite di urina durante la notte). La minzione di solito non è più com’era prima dell’intervento chirurgico.

PROGNOSI: I pazienti saranno monitorati attentamente per vedere se la malattia progredisce, a prescindere dal tipo di trattamento che hanno ricevuto. Il monitoraggio può includere:

  • Valutazioni cistoscopiche ogni 3-6 mesi dopo la terapia;
  • Valutazione citologica dell’urina (per le persone la cui vescica non è stata rimossa);
  • Scansione ossea e/o TAC per verificare la diffusione del cancro;
  • Esame completo del sangue per monitorare l’anemia;
  • Verifica di altri segni di progressione della malattia, come l’affaticamento, perdita di peso, aumento del dolore, diminuzione della vescica e funzione intestinale, debolezza.

Le prospettive per la fase 0 o I sono abbastanza buone. Sebbene il rischio di ritorno del cancro sia elevato, la maggior parte dei tumori della vescica possono essere chirurgicamente rimossi e curati. I tassi di guarigione per i pazienti con tumori di fase III sono meno del 50%. I pazienti con la malattia allo stadio IV guariscono raramente. Possibili complicazioni sono:

  • Diffusione del tumore agli organi vicini. Esso può anche viaggiare attraverso i linfonodi pelvici e la diffusione al fegato, polmoni, e ossa;
  • Anemia;
  • Gonfiore dell’uretra (idronefrosi);
  • Stenosi uretrale;
  • Incontinenza urinaria.

PREVENZIONE: Smettere di fumare ed eliminare i rischi ambientali possono ridurre il rischio di sviluppare il cancro alla vescica.

Fonti: [Wein AJ. Campbell Walsh-Urologia. 9a ed. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier; 2007; Herr HW. Fattori chirurgici per il trattamento superficiale della vescica e cancro invasivo. Urol Clin North Am. 2005;http://health.nytimes.com/health/; Nazionale globale cancro rete linee guida pratica clinica in oncologia: cancro alla vescica, compresi i tumori del tratto superiore e Urothelial carcinoma della prostata. National Comprehensive Cancer Network; 2008]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.